Leonardo nel cuore

Il 26 aprile prossimo Leonardo compirà quattro anni. La Sua mamma vorrebbe festeggiare il suo compleanno a Novellare dove abita, ma non è affatto sicura di poterlo fare perché la prima settimana  di febbraio il padre lo ha sottratto e portato in Turchia, dopo che il Tribunale di Firenze aveva deciso in via definitiva che il bambino dovesse rimanere con la mamma a Novellara.

Sono tre anni, da quando cioè la mamma di Leonardo si è resa conto della violenza economica e morale che subiva, ed ha deciso di interrompere la relazione con il padre di suo figlio, che è iniziata una battaglia senza precedenti: da subito il compagno ha imposto le sue volontà minacciandola di portare il bambino in Turchia dove lei non lo avrebbe rivisto.

Questa giovane donna ha denunciato tutto alle autorità ma è stata ritenuta una banale lite tra conviventi e non è stata adottata alcuna misura di protezione, Anche la procedura per decidere l’affidamento del bambino è stata “neutra” ovvero dalla parte del violento, ha ignorato la violenza della relazione e privilegiato il concetto di “bigenitorialità” come se i genitori fossero uguali ed egualmente positivi per il bambino.

Quando la battaglia legale si è conclusa, finalmente riconoscendo la positività della figura materna e la necessità che il bambino risiedesse presso la madre, il padre ha realizzato il suo primario scopo: sottrarre il bambino alla mamma.

Dal 6 febbraio la mamma non ha più potuto vedere, abbracciare, coccolare il suo bambino che non sa dove sia.

Ogni azione per rintracciare e riportare a casa Leonardo comporta atti, procedure, traduzioni, contatti con ambasciate, avvocati, che costano e la mamma che lavora come banconista non ha i mezzi per farvi fronte.

Leonardo è nel cuore di ognuna/ognuno di noi, aiutiamo la mamma a riportarlo a casa.

Possiamo farlo con iniziative, donazioni, sul conto corrente…..

LEONARDO NEL CUORE

CODICE   IBAN  IT39X0103012802000010006303

5 X 1000

IL TUO 5 PER MILLE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE


La lotta contro la violenza sulle donne e i bambini non vi costa nulla: anche quest'anno è possibile devolvere il 5 per mille del reddito a sostegno delle attività del Centro Antiviolenza, indicando, senza costi, il nostro codice fiscale:

C.F. 92041270346

5x1000nuovo

  

Devolvi il tuo 5x1000 alla nostra Associazione. Grazie al tuo contributo aiuteremo donne in difficoltà a causa di maltrattamenti e le/i loro bambine/i. daremo loro sostegno e appoggio, offriremo colloqui di accoglienza e percorsi individuali per l'uscita dalla violenza, consulenze legali e psicologiche e metteremo a disposizione case rifugio, anche in emergenza.

Una piccola azione che può cambiare molte vite!

Portaci con te

Sostieni l'Associazione Centro Antiviolenza di Parma!


Con uno dei nostri gadget, infatti, non solo farai un regalo nuovo e colorato alle persone che ti stanno accanto, ma aiuterai anche le donne che si rivolgono alla nostra associazione con le /i loro bambine/i.

Si tratta di pensieri semplici ed economici: tazze, t-shirt, shopper, calamite e i nostri ricettari.

Per informazioni scrivete all'indirizzo acavpr@libero.it oppure telefonate al numero 0521/238885

 

 

 

Tanti colori e taglie diverse: con una donazione minima di 12 euro riceverai una delle nostre splendide t-shirt tshirt

 

Un piccolo pensiero per far del bene: con una donazione di 3,50 euro puoi scegliere una delle nostre coloratissime calamite

calamite
Con una donazione minima di 10 euro riceverai una delle nostre bellissime tazze tazze
Con una donazione minima di 5 euro, il nostro ricettario sarà tuo 20151214 105758

 

Utili e belle: le nostre shoppers sono irresistibili! Saranno tue con una donazione minima di 6 euro

20151214 105631

 

Diventa volontaria
volontarie L’Associazione ha sempre bisogno di nuove volontarie da inserire nel proprio organico. Il volontariato è una risorsa fondamentale per le associazioni che operano nel sociale come la nostra. Se vuoi diventare una di noi manda una email a acavpr@libero.it oppure chiamaci allo 0521 238885 e sarai ricontattata per un colloquio conoscitivo.