News

Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne fornendo i dati dei centri relativi al 2015 e 2016 (al 31 ott.)

Le donne, in Italia e nel mondo, continuano a subire violenza. Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999. Come celebrare questa ricorrenza?

Anche quest’anno, in tutta Italia si cercherà di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della violenza di genere attraverso dibattiti, conferenze, eventi e con una grande manifestazione nazionale che si svolgerà a Roma sabato 26 novembre cui il Coordinamento ha aderito. Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna, come ogni anno, celebra il 25 Novembre con una riflessione a partire dai dati di monitoraggio sulla violenza relativi al 2015 e al 2016.

 

Leggi tutto...

 

188 le donne accolte dal Centro Antiviolenza fino al 31 ottobre 2016

 

Anche quest’anno, in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999 - l’Associazione Centro Antiviolenza Onlus di Parma rende pubblici i dati che la riguardano.

Al 31 ottobre 2016, sono 188 le donne accolte al Centro Antiviolenza, di cui 182 hanno subito violenza. Di queste 163 sono nuovi contatti, mentre 19 sono le donne che hanno continuato a seguire un percorso di uscita dalla violenza iniziato negli anni passati. La maggior parte delle donne (94) sono italiane; le straniere che si sono rivolte al Centro nel corso di quest’anno sono state 64. La maggior parte delle donne accolte al centro (117 donne) ha uno o più figli/e, spesso vittime di violenza anche loro. Su un totale di 191 figli/e, infatti, il 73,8% è vittima di violenza (144 figli/e).

 

 

Leggi tutto...

Secondo i dati raccolti dal Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna, si contano 8 femicidi e 4 tentati femicidi in regione nel 2016

La triste lista dei femicidi in Emilia-Romagna continua ad allungarsi. A distanza di meno di un mese dall’ultimo femicidio, ecco un’altra morte causata dalla violenza maschile. Questa volta accade a Riccione, dove Olga Matei è stata uccisa dall’ex compagno Michele Castaldo, che subito dopo ha tentato di togliersi la vita, senza riuscirci. La storia sembra seguire un copione ormai noto: lui viene descritto dalla stampa come “ossessionato dalla paura del tradimento”, lei lo lascia, lui, incapace di accettarlo, la uccide.

 

Leggi tutto...

 

videiamo la violenza2

Avete tra i 18 e i 25 anni? Il concorso "Videiamo la violenza" è fatto appositamente per voi. Si tratta di un progetto lanciato a livello europeo che rientra nella campagna STEP UP! WAVE CAMPAIGN che ha avuto inizio il 25 maggio 2016. Avete di tempo fino al 13 novembre per realizzare un video sul processo che le donne/ ragazze affrontano per liberarsi dal ciclo della violenza e le risorse presenti/assenti sul territorio a cui possono chiedere aiuto. Per saperne di più visitate la pagina Facebook creata per l'occasione oppure visitate il sito

Leggi tutto...

Secondo i dati raccolti dal Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna, si contano 6 femicidi e 4 tentati femicidi in regione nel 2016 

Elisa Pavarani, 39 anni, è stata uccisa a coltellate dal suo ex compagno Luigi Colla, di 42 anni, rintracciato e arrestato dai carabinieri. Il femicidio è avvenuto a Parma, nell’appartamento dell’uomo, dove la donna si era recata per un incontro chiarificatore. La relazione tra i due si era conclusa da poco ma la sua fine non era stata accettata dall’uomo, che, stando alle dichiarazioni dei vicini, “perdeva spesso il controllo”.

Leggi tutto...